Medicina e chirurgia estetica: il futuro è già qui?

Negli ultimi anni la medicina e chirurgia estetica hanno fatto passi da gigante proponendo innovazioni continue e nuove procedure sempre più performanti. Parallelamente, è cambiato anche l’atteggiamento culturale. L’essere ricorsi al “ritocchino” non è più un segreto da custodire gelosamente e parlarne in pubblico (con le celebrities in primis a fare coming out) è cool e fa tendenza.
Viene quindi naturale chiedersi come evolverà questo universo nei prossimi dieci anni e quali saranno i trattamenti più trendy.
A questo interrogativo, rispondono tre tra i più quotati chirurghi americani. Ci saranno, innanzitutto, “nuove tecniche non invasive per eliminare l’adipe in eccesso, evoluzione delle metodiche attuali quali CoolSculpting e SculpSure che offriranno migliori risultati e prevedo che il numero delle persone che si sottoporranno alla liposuzione si ridurrà drasticamente”, dichiara il Dr. Anthony Youn. Riutilizzare il grasso rimosso per scolpire, riempire o rimodellare le zone del corpo e del viso sarà un’altra tendenza in rialzo. “Può essere utilizzato per ridisegnare la curva dei glutei, per donare pienezza al seno o per restituire freschezza ai tratti del volto “svuotati” dal passare del tempo. Sono tanti gli usi che se ne possono fare”, spiega la D.ssa Jennifer Walden.

Oggi sono principalmente le donne a rivolgersi al chirurgo estetico, ma il loro primato sarà sempre più insidiato dagli uomini. Secondo un recente articolo di Usa Today, il pubblico maschile che varca la soglia degli studi medici è in costante aumento e le procedure più richieste sono addominoplastica, riduzione del seno (ginecomastia), blefaroplastica, botulino, filler riempitivi e Kybella (un farmaco iniettabile dall’azione citolitica che “scioglie” l’adipe). “I dati demografici continuano a cambiare - afferma il Dr. Renato Saltz – sempre più uomini si avvicinano ai trattamenti estetici e credo che questa tendenza proseguirà anche nei prossimi anni”. Anche la D.ssa Walden i cui pazienti sono per il 95% donne è d’accordo: “Ho iniziato a offrire agli uomini sofisticati trattamenti di “hair restoration”, specifici per contrastare la caduta e mantenere i capelli forti e vitali, e questo senza dubbio fa si che l’uomo si informa anche su altri tipi di procedure chirurgiche e non chirurgiche”.

La chirurgia estetica uscirà sempre più allo scoperto e non farà più notizia. Secondo il Dr. Youn “è destinata a crescere e ad essere più visibile. Sempre più VIP e personaggi famosi ammetteranno il “ritocchino”, i medici saranno sempre più presenti sui social e nei programmi televisivi e questo contribuirà a diffondere una maggiore conoscenza delle possibilità offerte da questo settore”.
La tecnologia del futuro darà una grossa mano all’evolversi della medicina e chirurgia estetica. La realtà virtuale prenderà sempre più piede e diventerà uno strumento fondamentale sia per i professionisti che per i pazienti. “Sono finiti i tempi in cui avevamo a disposizione solo le foto del prima e dopo – dice il Dr. Youn - oggi è già possibile visualizzare in anteprima in 3D quale sarà il risultato di un intervento, e pochi eletti, grazie a MirrorMe3D, creano modelli reali del risultato post-operatorio avvalendosi di stampanti 3D”.

I trattamenti non invasivi vivranno momenti di gloria, ma le procedure chirurgiche non spariranno perché, come dichiara il Dr. Youn, “certe procedure che prevedono la rimozione di pelle in eccesso non sono possibili senza ricorrere al bisturi”. Quello che farà la differenza è l’approccio sempre più olistico alle procedure chirurgiche che comprende diete mirate pre e post-intervento, anestesie migliori e minor uso di antidolorifici.

La sintesi di tutto questo? “I trattamenti non invasivi saranno protagonisti di un vero boom e andranno ad affiancarsi, migliorandone i risultati, agli interventi chirurgici - secondo il Dr. Saltz – in particolare sono “molto promettenti” quelli rivolti a restituire tonicità alla pelle, all’eliminazione dell’adipe e della cellulite e, al maschile, il trapianto dei capelli”. Ma non è tutto. Il Dr. Youn anticipa che arriveranno anche trattamenti non invasivi per la rinoplastica e l’aumento del seno e del mento. “Il futuro della chirurgia plastica è non avere più intervento chirurgico”, ha affermato.

V. C.