Sotto l'albero...un "surgery gift"

Natale è ormai dietro l’angolo ed è tempo di pensare i regali. Indovinare quello giusto, rigorosamente personalizzato, è sempre più difficile. 
In tema di medicina e chirurgia estetica arriva dagli States l’ultima tendenza in tema di “gifting”: regalare un “ritocchino”, ovvero un trattamento di medicina estetica e, a volte, addirittura un intervento chirurgico. “Questa “moda” – spiega il dott. Stafford Broumand, chirurgo plastico a New York – non è nuova ma sta prendendo sempre più piede. Coniugi e parenti regalano di solito sedute di botulino, filler riempitivi o ultrasuoni, e, ultimamente, anche interventi chirurgici. Il dono più gettonato di quest’anno? Il CoolSculpting che sta vivendo un vero boom”. Il Dott. Joseph L. Grzeskiewicz, chirurgo a San Diego, un veterano di questo trend visto che da quasi 10 anni offre “gift card” prepagate che permettono di avvalersi dei suoi servizi, puntualizza che “anche i peeling chimici e i trattamenti laser, vanno per la maggiore”. Dello stesso parere è anche il dott. Anthony Youn, di Troy, nel Michigan: “Le vacanze sono il periodo più congestionato e di maggior lavoro per noi chirurghi, poiché molte persone sfruttano proprio i giorni di festa e il tempo libero per recuperare dopo un intervento, e perché in tanti si sottopongono iniezioni di botulino o filler per apparire al meglio durante le feste”.

Se state già pensando di mettere sotto l’albero questo regalo speciale, sappiate che potete farlo in diversi modi. Parola del dott. Broumand: “C’è chi sceglie quest’opzione dopo aver accompagnato un amico o un parente a una visita, oppure chi, sapendo che il destinatario è già mio paziente, si informa su quali trattamenti è solito effettuare, o ancora chi risponde a una precisa richiesta. A questo punto si acquista una “gift card” del valore che si desidera, che potrà essere riscattata ricorrendo alla procedura indicata oppure scegliendo di quale trattamento avvalersi in base alla cifra”. Attenzione però, questo tipo di dono richiede alcune valutazioni. “Non è opportuno regalare indiscriminatamente un trattamento specifico – specifica il dott. Grzeskiewicz - qualsiasi tipo di procedura, sia essa chirurgica o non invasiva, deve essere consigliata da un professionista esperto che, durante la visita, saprà suggerire la soluzione migliore. Quindi è preferibile acquistare una carta “in valore” lasciando libero di scegliere chi la riceve”.
Questo nuovo trend natalizio da noi sta muovendo i primi passi, ma siamo ancora lontani dal poter parlare di moda. Certo è che, se regalato alla persona giusta, questo speciale cadeau ci farà davvero ricordare…

V. C.